EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Deviazione della piramide nasale e del setto

Deviazione della piramide nasale e del setto

Il setto nasale divide la cavità nasale in due unità esattamente simmetriche ed è composto da cartilagine e osso.
Il sostegno maggiore del naso è costituito dal setto cartilagineo posto anteriormente, esso si articola posteriormente con  l’osso vomeriano e con la lamina perpendicolare dell’etmoideanch’essa costituita da una sottile lamella ossea.
Inferiormente la cartilagine posa sulla cresta della maxilla,mentre anteriormente presenta un bordo libero, punto che viene approcciato quando si vuole accedere alla cartilagine nell’intervento di settoplastica.
Molto spesso esso è in parte deviato in grado più o meno notevole e presenta sporgenze che possono dar luogo ad un restringimento del lume nasale.      

Le deviazioni del  setto possono essere schematicamente divise in congenite ed acquisite.
La maggior parte delle deviazioni congenite sono genetiche dovute ad un informazione genetica capace di replicare dai discendenti lo stesso dismorfismo facciale.
Altre deviazioni sono causate da pressioni eccessive intrauterine che creano un trauma al naso al momento del parto.
I traumi esterni del naso sono altresì all’ origine delle deviazioni acquisite, per cui un colpo,un urto o una caduta possono dar luogo a contusioni lesioni delle parti molli fratture semplici dell’ impalcatura cartilaginea ed ossea.
Le inflessioni si riscontrano principalmente nel setto cartilagineo e cosi pure le lussazioni che compaiono specialmente in corrispondenza del suo margine anteriore a livello dell’articolazione condro-vomeriana

In questi casi la cartilagine e l’osso si sovrappongono, determinando una depressione da un lato e un ispessimento dal lato controlaterale.

Tuttavia non sempre le anomalie anatomiche congenite o acquisite interessano solamente  il setto nasale osteo-cartilagineo.

Frequentemente, infatti, è tutta la piramide ad essere deviata, sia per traumi che per anomalie congenite
Entrambi questi fattori possono  provocare un restringimento delle fosse nasali, o per infossamento delle branche montanti del mascellare, o per deviazione del setto e piramide